Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

La melatonina "correlata"
agli attacchi di sclerosi multipla

Da tempo gli esperti cercano di capire come mai le crisi di sclerosi multipla siano, in genere, più frequenti e più gravi in estate e meno in inverno; tra le possibili circostanze che favoriscono questa alternanza sono state suggerite la vitamina D, l’esposizione ai raggi solari, le infezioni delle vie respiratorie e altro, ma ora i neurologi del Brigham and Women’s Hospital di Boston (Stati Uniti) hanno individuato un’altra possibile concausa: la concentrazione di melatonina - e hanno pubblicato i risultati del loro lavoro sulla rivista Cell. In particolare, gli studiosi hanno analizzato a fondo i parametri e le condizioni di 140 pazienti lungo diverse stagioni, dimostrando che la melatonina è più alta in autunno e inverno, periodi nelle quali la malattia è meno grave, e più bassa nella stagione primaverile e in quella estiva. Trasferendo poi gli studi sugli animali, hanno dimostrato che questa sostanza agisce su diversi tipi di cellule immunitarie molto importanti nella sclerosi multipla: i linfociti T.

E’ certamente presto per pensare che la melatonina (uno degli ormoni più importanti nella regolazione del ciclo veglia-sonno) possa diventare un farmaco per la sclerosi multipla. Ma sicuramente altri studi si concentreranno su questa molecola, per capire in che modo, esattamente, agisca da attenuatore della risposta autoimmune, e per progettare nuovi medicinali in grado di arginare questi problemi.

A.C.
Data ultimo aggiornamento 26 settembre 2015


Vedi anche: 
Sclerosi multipla, un nuovo bersaglio per possibili terapie
Sclerosi multipla, il fumo accelera l’aggravarsi della malattia


Tags: linfociti T, melatonina, sclerosi multipla