Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

Il sistema immunitario controlla anche la riparazione del cuore

Quando subisce un danno, il cuore dei neonati si ripara spontaneamente, quello degli adulti no. Come mai?

Questa domanda è rimasta a lungo senza risposta, perché tutto ciò che si riusciva a vedere era il coinvolgimento di due popolazioni di cellule del sistema immunitario, i macrofagi, che nel primo caso sembravano avere un ruolo positivo, e provenire dal cuore, nel secondo negativo, e arrivare dal midollo osseo.

Ora però uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) dai ricercatori del Barnes-Jewish Hospital di Saint Louis, negli Stati Uniti, sembra fornire una spiegazione convincente del fenomeno, e un’indicazione potenzialmente utile in clinica.

In base ai dati pubblicati, infatti, i macrofagi sono distinguibili dalla presenza o meno di una proteina chiamata CCR2, assente nei macrofagi neonatali.

Farmaci anti CCR2 sono già oggetto di sperimentazioni cliniche di fase I e II per la cura dell’artrite reumatoide, e i risultati di quegli studi potrebbero essere utili per capire se gli stessi potrebbero essere usati in persone con scompenso o un altro danno cardiaco.


Data ultimo aggiornamento 11 novembre 2014


Tags: macrofagi del midollo osseo, macrofagi di origine cardiaca, proteina CCR2, scompenso cardiaco